Immagine  
"
Io abito tra Loreto e Turro e quando son contento sburro

Alfieri (Elio e le storie tese)
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Pietro (del 22/05/2008 @ 20:01:33, in Pensieri sciolti, linkato 1224 volte)

Poppy fields

Southampton Dock
(Roger Waters)

They disembarked in 45
And no-one spoke and no-one smiled
There were to many spaces in the line.
Gathered at the cenotaph
All agreed with the hand on heart
To sheath the sacrificial Knifes.
But now
She stands upon Southampton dock
With her handkerchief
And her summer frock clings
To her wet body in the rain.
In quiet desperation knuckles
White upon the slippery reins
She bravely waves the boys Goodbye again.

And still the dark stain spreads between
His shoulder blades.
A mute reminder of the poppy fields and graves.
And when the fight was over
We spent what they had made.
But in the bottom of our hearts
We felt the final cut.

 


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Pietro (del 16/05/2008 @ 12:58:59, in Politica, linkato 1011 volte)

Riporto uno stralcio dell'intervista al sindaco di Roma, Gianni Alemanno, trasmessa da Radio24 il 14/05/2008, nel corso della trasmissione Vivavoce. Il neo sindaco illustra la sua ricetta per il problema nomadi:

"Se uno è nomade dovrebbe muoversi sul territorio nazionale e non essere fisso e stanziale.
Se diventa stanziale dovrebbe diventare anche, e soprattutto se è un cittadino italiano, dovrebbe diventare una persona norm... cioè insomma che integrata come le altre persone dentro quartieri normali, altrimenti i quartieri ROM, i campi sosta, diventano come i borghetti che c'erano un tempo a Roma.
Gli anni 80 e gli anni 70 furono segnati dal fatto di abolire i borghetti, queste baraccopoli che esistevano dentro Roma.
Adesso ne abbiamo di nuove, non credo che ci possiamo rassegnare a questo concetto; il campo sosta dovrebbe essere appunto un campo dove si sta per un certo periodo e poi si va via.
Se ci sono situazioni come a Roma o in tutta Italia, nomadi sono stanziali da vent'anni, bisogna dire a queste persone: beh adesso basta, dovete prendervi una casa, dovete cambiare abitudini, dovete essere dei cittadini normali come gli altri"

 


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DIY (del 15/05/2008 @ 17:03:20, in Le segnalazioni del Dott. DIY, linkato 954 volte)

Tre minuti alla nostra più difficile sfida professionale.
Tutto si decide oggi.
Ora noi, o risorgiamo come squadra, o cederemo un centimetro alla volta, uno schema dopo l'altro, sino alla disfatta. Siamo all'inferno adesso, signori miei. Credetemi.
E... possiamo rimanerci, farci prendere a schiaffi oppure aprirci la strada lottando verso la luce.
Possiamo scalare le pareti dell'inferno un centimetro alla volta.

Io però non posso farlo per voi, sono troppo vecchio.
Mi guardo intorno vedo i vostri giovani volti e penso... certo che... ho commesso tutti gli errori che un uomo di mezza età possa fare. Sì perché io ho sperperato tutti i miei soldi, che ci crediate o no. Ho cacciato via tutti quelli che mi volevano bene e da qualche anno mi dà anche fastidio la faccia che vedo nello specchio.
Sapete col tempo, con l'età tante cose ci vengono tolte ma questo fa... fa parte della vita.
Però tu lo impari solo quando quelle cose le cominci a perdere e scopri che la vita è un gioco di centimetri. E così è il football.
Perché in entrambi questi giochi, la vita e il football,
il margine d'errore è ridottissimo. Capitelo...
Mezzo passo fatto un po' in anticipo o in ritardo e voi non ce la fate. Mezzo secondo troppo veloci o troppo lenti e mancate la presa. Ma i centimetri che ci servono sono dappertutto, sono intorno a noi, ci sono in ogni break della partita, ad ogni minuto, ad ogni secondo.
In questa squadra si combatte per un centimetro. In questa squadra massacriamo di fatica noi stessi e tutti quelli intorno a noi, per un centimetro. Ci difendiamo con le unghie e con i denti per un centimetro.
Perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei centimetri, il totale allora farà la differenza tra la vittoria e la sconfitta, la differenza tra vivere e morire.
E voglio dirvi una cosa: in ogni scontro è colui il quale è disposto a morire che guadagnerà un centimetro.
E io so che se potrò avere un'esistenza appagante sarà perché sono disposto ancora a battermi e a morire per quel centimetro. La nostra vita è tutta lì. In questo consiste, e in quei 10 centimetri davanti alla faccia.

Ma io non posso obbligarvi a lottare! Dovrete guardare il compagno che avete accanto, guardarlo negli occhi. Io scommetto che ci vedrete un uomo determinato a guadagnare terreno con voi. Che ci vedrete un uomo che si sacrificherà volentieri per questa squadra, consapevole del fatto che quando sarà il momento voi farete lo stesso per lui.
Questo è essere una squadra, signori miei!
Perciò... o noi risorgiamo adesso, come collettivo, o saremo annientati individualmente.

Al Pacino - Any Given Sunday (1999)


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Pietro (del 15/05/2008 @ 11:23:10, in Comunicazione, linkato 1265 volte)

Due esempi fulgidi di prosopopea lapidare.

Lapide a Ruggiero Bonghi, a Torre del Greco (NA). L'illustre personaggio non morì, come suole accadere ai comuni mortali, ma "sparì dalla terra, infuturandosi nell'immortalità" motivo per cui ricevette "le primizie del lutto nazionale":

Infuturandosi nell'immortalità
Foto Ciccone da http://www.chieracostui.com

"IN QUESTA CASA
A 22 DI OTT. DEL 1895
SPARI DALLA TERRA
INFUTURANDOSI NELL'IMMORTALITÀ
QUEL LUME D'ITALIA
CHE FU
RUGGIERO BONGHI
L'OSPITALE CITTA'
GLI OFFERSE LE PRIMIZIE
DEL LUTTO NAZIONALE
E NE VOLLE TRAMANDATO
AI POSTERI IL RICORDO"

 Invece ad Ostia Antica (RM) c'è quest'altra perla della comunicazione:

Pane e lavoro

"PANE E LAVORO GRIDANDO
E BRANDENDO LE LUCIDE FORTI ARMI DE LA FATICA
UOMINI DONNE FANCIULLI
ESERCITO DI PACE
DAI DOLCI CAMPI DI ROMAGNA
QUA TRASSERO
PER RESTITUIRE ALLA COLTURA A L'IGIENE A LA CIVILTÀ NOVA
LE ZOLLE CHE L'ANTICA CIVILTÀ SEMINÒ DI RUDERI
ED IGNAVIA DI PRINCIPI E DI PRELATI
ED INERZIA COLPEVOLE DI GOVERNI
A LA MALARIA OMICIDA
LUNGO I SECOLI
ABBANDONÒ
E PANE E LAVORO EBBERO TUTTI E MOLTI MORTE !
ORA
AI MORTI
LA LAPIDE PERENNEMENTE MEMORE
AI VIVI
LA SPERANZA CHE L'OPERA LORO FECONDA CONTINUI
SI COMPIA
ROMANI
E VOI STRANIERI CHE A CAPO CHINO ADORANDO
VISITATE LI AVANZI DELL'ANTICA CIVILTÀ
LEVATE IL CAPO DALLE ROVINE SECOLARI
GUARDATE IN SU IN ALTO !
E SALUTATE E ONORATE
I PRECURSORI I MARTIRI
DE LA NOVISSIMA CIVILTÀ
DI ROMA ETERNA !"

 


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Pietro (del 15/05/2008 @ 10:38:27, in Comunicazione, linkato 3586 volte)

Mi colpisce molto il fatto che a Roma si occupi dei morti l'AMA, la stessa azienda che si occupa dei rifiuti:

 Polizia Mortuaria

e soprattutto che la polizia mortuaria vada in giro con l'Iveco Daily uguale a quello con cui altre aziende trasportano le mozzarelle....

 


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Pietro (del 12/05/2008 @ 13:00:22, in Comunicazione, linkato 952 volte)

Avviso presente in un bagno di un hotel di Ischia

Non è un idrante....

Grazie a Emilio che ha scattato la foto (distraendosi e perdendo il controllo, quindi vanificando il suggerimento del cartello....)

 


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Pietro (del 12/05/2008 @ 10:51:50, in Politica, linkato 1013 volte)

E' proprio vero che ormai viviamo in una società corrosa dalla delinquenza.
I poveri abitanti di Casal Palocco (esclusivo quartiere residenziale immerso nel verde tra Roma e il mare, citato anche da Nanni Moretti in Caro Diario), oltre alle rapine in villa, ai furti delle proprie vetture (Mercedes, Porsche, Audi, etc.) sono esposti anche al più bieco dei saccheggi: gli rubano le pigne degli alberi !
E' una vergogna !
Speriamo che la nuova amministrazione capitolina metta un freno a tutta questa delinquenza altrimenti chissà dove andremo a finire.

 Le pigne private di Casal Palocco
(cartello apposto sui pini a Casal Palocco - Roma)

Per i più curiosi e desiderosi di documentarsi riporto un estratto dei due articoli del codice penale citati (da http://www.altalex.com/index.php?idnot=36775)
n.b. da quel poco che capisco di legge, si possono raccogliere le pigne solo se non se ne trae profitto per se o per altri. Se avete quindi l'hobby della raccolta delle pigne fine a se stessa avete via libera.

Art. 624.
Furto.

Chiunque s'impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé o per altri, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 154 a euro 516.
Agli effetti della legge penale, si considera cosa mobile anche l'energia elettrica e ogni altra energia che abbia un valore economico. [...]


Art. 625.
Circostanze aggravanti.

La pena per il fatto previsto dall'articolo 624 è della reclusione da uno a sei anni e della multa da euro 103 a euro 1.032:
[1. ...;]
2. se il colpevole usa violenza sulle cose o si vale di un qualsiasi mezzo fraudolento;
3. se il colpevole porta in dosso armi o narcotici, senza farne uso;
4. se il fatto è commesso con destrezza;
5. se il fatto è commesso da tre o più persone, ovvero anche da una sola, che sia travisata o simuli la qualità di pubblico ufficiale o d'incaricato di un pubblico servizio;
6. se il fatto è commesso sul bagaglio dei viaggiatori in ogni specie di veicoli, nelle stazioni, negli scali o banchine, negli alberghi o in altri esercizi ove si somministrano cibi o bevande;
7. se il fatto è commesso su cose esistenti in uffici o stabilimenti pubblici, o sottoposte a sequestro o a pignoramento, o esposte per necessità o per consuetudine o per destinazione alla pubblica fede, o destinate a pubblico servizio o a pubblica utilità, difesa o reverenza;
8. se il fatto è commesso su tre o più capi di bestiame raccolti in gregge o in mandria, ovvero su animali bovini o equini, anche non raccolti in mandria.

 

 


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Pietro (del 08/05/2008 @ 11:51:45, in Tech World, linkato 1013 volte)

Vi è mai successo, facendo CTRL+ALT+CANC, di osservare tra i processi attivi sul vostro pc qualche strano file .exe ? E di chiedervi "Che sarà ?".
C'è un sito semplice semplice ma molto ben fatto che potrebbe darvi la risposta:

http://www.what-is-exe.com/

 


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Pietro (del 29/04/2008 @ 13:11:40, in Cinema, linkato 1201 volte)

L'amico Fabio mi segnala questa perla del trash (con tutto il rispetto per il trash....)

Ulteriori info: http://en.wikipedia.org/wiki/Italian_Spiderman

 


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Pietro (del 28/04/2008 @ 19:03:03, in Media e Tv, linkato 1243 volte)

Raramente, navigando in internet, mi capida di cliccare su qualche banner.
Oggi, non so perchè, l'ho fatto.
E mi si è spalancato il meraviglioso mondo del talent-scouting del mondo dello spettacolo.
Il grimaldello per forzare la cassaforte ed entrare nella meravigliosa, rutilante, scintillante, eterna macchina dello spettacolo.

Ho trovato il sito di Franco Battaglia.

Franco Battaglia

Ho buttato giù una paginetta con le mie impressioni.


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 114 persone collegate

< aprile 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
         
             

Cerca per parola chiave