Immagine  
"
Un gatto non lo compri. Anche se vai al negozio, tuttalpiù paghi un riscatto a quello che ce l`aveva prima di te.

Ascanio Celestini
"
 
\\ Home Page : Articolo
Faccetta nera
Di Pietro (del 18/09/2009 @ 18:25:18, in Politica, linkato 1537 volte)
A volte internet riserva delle sorprese piacevoli.

A Roma si usa dire (o meglio si usava fino a un paio di generazioni fa): “Ma chi sei, Cacini ?” o anche “E’ arrivato Cacini !”, riferendosi a qualcuno che si presenta con modi da spaccone e da bullo “so tutto io”.

Per curiosità, vado a cercare notizie su tale modo di dire e scopro che Cacini era un comico d’avanspettacolo dei primi anni del ‘900, famoso appunto per essere provocatore del pubblico con spacconate e sbruffonate.

Fin qui, interessante, ma nulla di particolarmente esaltante.

Il bello viene leggendo la biografia di Cacini. Tra le altre cose scriveva canzoni per i suoi spettacoli.

Una di queste canzoni, venne plagiata da Mario Ruccione per il ritornello di “Faccetta Nera”.

E allora ?

E allora scopro, leggendo le informazioni su “Faccetta nera”, che uno dei cavalli di battaglia della propaganda fascista, per giustificare “eticamente” l’invasione dell’Abissinia da parte del nostro esercito, fu proprio la condizione delle donne Abissine, dipinte come schiave e vittime di un regime brutale, che dovevano quindi essere salvate dal mondo civile (cioè dall’Italia fascista…).

Non so perché, forse sono strano forte, ma il pensiero è corso a quanto ci dissero durante l’invasione dell’Afghanistan a proposito delle donne, dei talebani e del burka.

Corsi e ricorsi storici, vecchi trucchetti o solo mia superficiale malizia ?

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
I commenti sono disabilitati.
Ci sono 163 persone collegate

< luglio 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Cerca per parola chiave