Immagine  
"
The three most frightening words ever invented by any religion: "Come Join Us"

Greg Graffin (Bad Religion)
"
 
\\ Home Page : Articolo
Che Guevara, salsicce e Vaticano
Di Pietro (del 06/07/2009 @ 23:53:08, in Politica, linkato 1448 volte)

Constatato amaramente che non c’è nessuno che venda una t-shirt con il Che, dopo aver mangiato la salsiccia (buona, però), mi avvio verso l’uscita della Festa dell’Unità di Roma.
Su un banchetto ci sono copie de l’Unità, in omaggio.
Ne prendo una e me ne vado.
Solo oggi trovo il tempo di scorrere il giornale e devo ammettere di essere parecchio confuso e stupito.
E’ il numero del 3 luglio 2009, all’indomani dell’approvazione del decreto “sicurezza” da parte del governo democraticamente eletto della Repubblica Italiana.
L’Unità è l’organo del PD, e quindi mi aspetto dica cose “di sinistra”, per parafrasare Nanni Moretti.
E invece, guarda guarda….

Il primo strillo, in rosso, riporta, virgolettato, il pensiero di Mons. Sergio Pagano (che apprendo essere il Prefetto dell’archivio segreto del Vaticano: roba da “Il nome della Rosa”…)
Subito sotto, immagine a tutta pagina di un grottesco rondaiolo in divisa, e due note, sulla destra, sulla legge appena approvata.
La prima, quella che salta agli occhi, titolata in rosso, font grande, riporterà sicuramente il pensiero dell’intellighenzia di sinistra.
Manco per niente: riporta l’Allarme Vaticano. Solo sotto, in seconda battuta, senza font rosso e privilegiato, il pensiero del PD.

 

Rileggo il titolo del giornale, per assicurarmi non si tratti di Avvenire. No, è proprio l’Unità, fondata da Antonio Gramsci nel 1924 (importante che l’editore lo sottolinei: aiuta a fugare i dubbi).

Sulla dichiarazione di Mons. Pagano torniamo dopo.

Ora corriamo a pagina 6 a leggere l’approfondimento sul decreto “sicurezza”:

 

Anche qui il pensiero Vaticano viene prima di quello del PD: sia nell’occhiello che nel titolo.

Seguitiamo a leggere e a pagina 7 troviamo quest’altra stupefacente performance di sinistra:

Un trafiletto parla delle opinioni del mondo del lavoro riguardo al decreto. Sono riportati 6 punti di vista:

1) Quello delle Acli sul problema delle badanti che assistono i nostri anziani
2) Quello della CISL sul pericolo criminalizzazione del diverso
3) Quello dell’UGL sulla dubbia efficacia anti-crimine
4) Quello dei medici che rifiutano di denunciare i clandestini per motivi di etica professionale
5) Quello dell’ARCI: “porte aperte da noi anche agli irregolari”
6) Quello del UNHCR, preoccupata per l’equazione immigrato=criminale

Uno di sinistra (non dico addirittura comunista, ma semplicemente un po’ di sinistra) a quale avrebbe dato più evidenza ?
All’opinione della CGIL, forse. Ah, no, scusate. Quella non c’è: evidentemente la CGIL non ha opinioni in merito, o se le ha non le condivide col cronista dell’Unità.
Allora, forse, alla scelta etica dei medici che vogliono disobbedire a una legge che mina il diritto alla salute dell’essere umano.
Oppure a chi urla la vergogna della discriminazione, dall’alto dell’autorità sovranazionale delle Nazioni Unite.

No.

L’Unità evidenzia,  al centro dell’articolo, il problema delle badanti sollevato dalle Acli.
In grande: “«Punite» migliaia di persone che aiutano i nostri anziani”.
Il virgolettato di «Punite» tradisce l’imbarazzo del redattore. Forse i «puniti»  siamo noi, che senza badanti non sappiamo come fare.
E gli anziani sono i “nostri”: mica quelli dei negher africani o della gelida steppa ucraina.
Le badanti, quindi, sono nobili perché assistono i “nostri” anziani. Se assitessero i propri al paese loro, sarebbe poco proficuo per noi e poco nobile per loro.
C’è del nazionalismo in quel “nostri” ? No, sono io che penso sempre male e interpreto anche peggio.

Interpreto così: il concetto è quello cavalcato anche da tanta altra stampa: “Ora avete l’immigrata in nero che pulisce il culo al nonno rompiballe e bilioso, deve sopportarlo anche se la tratta a pesci in faccia, deve stare zitta e buona perché è irregolare e non ha diritti, la pagate poco, senza garanzie di legge e di contratto, e al buon bisogno, se est europea e piacente, potete anche darle una palpata ogni tanto. Lei zitta, perché clandestina. Adesso, invece, con questa cavolo di legge vi tocca metterla in regola, spendere di più, farle un contratto e rispettarne i diritti, sennò ve la cacciano via e addio palpate a sbafo (per non parlare della cacca del nonno per tutta casa).”

Ma davvero sono le badanti il problema della legge anti criminalità ?
E’ questo il PD-pensiero ?
E ci fanno pure i congressi fiume densi di laceranti dibattiti per capire dove hanno sbagliato perdendo i consensi dell’elettorato ?

Ormai triste, ripenso alla salsiccia mangiata, (almeno quella non traditrice, con buona pace del pover pursel  - nel senso del maiale), e ho un ultima riflessione, sicuramente faziosa ed erronea, sul concetto esposto in apertura del giornale da Mons. Pagano:

Il processo a Galileo deve insegnare alla Chiesa un atteggiamento che vale anche oggi: e cioè una certa prudenza, la necessità di approfondire questioni come la ricerca scientifica, l’uso delle staminali, la genetica”.

La mettiamo in prima pagina sull’Unità, sta frase ?
Vi sembra rivoluzionaria ?
Vi sembra innovativa ?
Un segno di apertura ?
E’ “di sinistra” ?

Io la leggo per come è scritta, ossia:

“Per dar ragione a Galileo c’abbiamo messo 500 anni: prudenzia cristianucci ! Impariamo la lezione ! Cos’è tutta sta fretta di far chiarezza dottrinale sui quesiti scientifici di oggi, staminali e genetica in primis ? C’è tempo, c’è tempo. La Chiesa di Roma è eterna e non ha fretta. Ne riparliamo tra cinque secoli.”

Mi si è rotto un piatto, stasera: userò l’Unità per incartarne i cocci.
Almeno non ci faremo male, né io né il compagno netturbino sottoproletario, che, poveretto,  è costretto agli straordinari per finire di pagare il leasing della Classe A.

 


Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
I commenti sono disabilitati.
Ci sono 127 persone collegate

< luglio 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Cerca per parola chiave